Le prime dieci pagine
Kurjak, Istvan, Lajos e altri soldati osservano da una collina il villaggio di Yorvolak.
Kurjak: "Allora, che cosa vedi, Istvan?"
Istvan: "Poco... e quel poco che vedo non mi piace per niente!... Sembra che non ci sia anima viva, a Yorvolak!"
Kurjak: "Forse hanno saputo del nostro arrivo e se la sono data a gambe!"
Janos: Già!... Ci hanno tolto il divertimento!"
Kurjak: "Meglio così!... Se c'è qualcuno che si diverte, in questa sporca guerra, io dico che quel qualcuno è un topo di fogna!"
Istvan: "Laggiù c'è la morte, Kurjak!... O qualcosa di peggio!... Ti ripeto che non mi piace."
Kurjak: "Che ti piaccia o no, gli ordini sono di tenere la postazione di Yorvolak fino all'arrivo dei rinforzi!... E poi, cosa ci può essere di peggiore della morte?"
La squadra di Kurjak raggiunge il villaggio, e subito lo scopre disseminato di corpi senza vita per le vie.
1° soldato: "Guardate!... E' uno dei nostri, quello!"
Kurjak: "Ne sei sicuro?"
2° soldato: "Era del mio paese, Kurjak!"
1° soldato: "Qui ce n'è un altro, gente!... L'hanno ridotto male, quei bastardi!... La sua piastrina, Kurjak! E' della nostra milizia!"
Kurjak: "Dannazione! I nostri sono già stati qui, allora! Ma chi...?"
3° soldato: "Chiunque sia stato, ha un certo senso del macabro!... Guardate queste tracce di sangue sul muro!"
Lajos: "[osservando uno "smile" con i canini tracciato col sangue] Già, horror graffiti... ma questo è quasi divertente!"
Istvan: "Quella messinscena è niente, ragazzi!... Venite a vedere in piazza!"
Istvan conduce i compagni innanzi a un autentico massacro di militari.
Istvan: "Ecco il piatto forte!... Allora, che ne dite? Ormai non c'è dubbio! Qui hanno fatto fuori un nostro reparto!... Possibile che siano stati attirati in trappola dagli abitanti?"
Kurjak: "Già... non se ne vede uno, di abitanti! Né vivo né morto!... Diamo un'occhiata in chiesa! E' sempre lì che trovano rifugio i civili!"
Assieme ad Istvan, Kurjak sfonda il portone della chiesa...
Istvan: "Avevi ragione, Kurjak! Ecco dov'è finita la brava gente di Yorvolak!... Morti pure loro! E gli assassini... svaniti nel nulla!"
Kurjak: "Un bel mistero... Che cosa dicevi prima, Istvan?... Qualcosa a proposito di un sinistro presentimento..."
Lajos, allontanatosi dagli altri, li chiama...
Lajos: "Kurjak! Venite! Da questa parte!... Ho trovato una vecchia!... Ed è viva!"
Istvan: "Avrei preferito trovarne una giovane!"
Kurjak: "Piantala, Istvan!... Forse ci saprà dire che cosa è accaduto qui!"
Vecchia del villaggio: "Davao!... Il diavolo!"
Kurjak: "Non avere paura, nonnina... fidati di me... non ti voglio fare del male!"
Kurjak, per rassicurare la vecchia, le prende le mani.
Kurjak: "Brava... brava... Che cosa è successo?"
Vecchia del villaggio: "... il Diavolo! Prima sono arrivati i soldati... hanno chiuso tutti in chiesa... Poi si sono messi a sparare... Io mi ero nascosta... Dopo, la notte stessa, è arrivato il diavolo! Ha ammazzato tutti i soldati! Li ha fatti a pezzi... a pezzi con le mani!"
Kurjak: "Com'era fatto? L'hai visto?!"
Istvan: "Bah!"
Vecchia del villaggio: "Io non ricordo... Ho avuto paura... c'era tanto sangue e tante, tante urla!"
Kurjak: "Hai visto da che parte è fuggito?... Dobbiamo prenderlo e ammazzarlo, anche se è il diavolo!"
Vecchia del villaggio: "Lui non se n'è andato. E' ancora qui! Ma tu non puoi... nessun umano può ucciderlo... a parte..."
Kurjak: "Sì? A parte chi?
Vecchia del villaggio: "Dampyr... Dampyr..."
Kurjak: "Non capisco! Che cosa vuol dire?"
Vecchia del villaggio: "Dampyr! Dampyr!"
Kurjak: "E' pazza!"
Istvan spara alla vecchia.
Kurjak: "Noo!"
Istvan: "Così hai smesso di strillare, vecchia strega!"
Kurjak: "Noo!... Maledizione! Istvan! Sei una carogna! Che bisogno c'era?"
Istvan: "Era una pazza e mi aveva stancato! Qualcosa in contrario?"
3° soldato: "Kurjak... che cosa facciamo?"
Kurjak: "Abbiamo l'ordine di restare qui! E se il cosiddetto 'diavolo' non se n'è andato gli presentiamo il conto! Siete d'accordo? Lo spediremo all'inferno! A calci in bocca!"
Gli altri: "Sìiii! All'inferno!"