BANNER
 
211 - Horror movie
Testi: Mauro Boselli
Disegni: Nicola Genzianella
Scena principale: Smoke Mountains (Tennessee)

Pagella del sito:
Trama: @@@
Azione: @@@@
Humor: @@@@
Sentimento: @@@@
Disegni: @@@@@
Media pesata: 3,8/5

Albi correlati: 180, 181, 188, 204.
Kurjak raggiunge il "Wonderland Hotel" che vide splendore nei primi decenni del secolo scorso, prima che uno scandalo innescasse una serie di atroci delitti attribuiti a riti voodoo contro i quali si scagliò il Ku-Klux-Klan, con sanguinose conseguenze. Attualmente l'albergo si trova isolato e immerso in un bosco di montagna, e ospita altre cinque persone accomunate dall'aver ricevuto un appuntamento in tale luogo da qualcuno che non si è poi presentato: lo stesso Kurjak è stato convocato lì da Harlan, che lo aveva anticipato a New York, per affrontare un caso di "zona d'ombra" assieme.
Con lo scendere della sera, l'intero personale del "Wonderland" scompare, e al loro posto si manifestano, all'esterno, Zombi che circondano l'albergo uccidendo chi cerca di fuggire. Kurjak scopre che gli Zombi sono in realtà Non-morti e che tra gli ospiti superstiti dell'albergo si cela il Maestro della Notte Von Henzig che ha teso lui una trappola.
212 - El dìa de los muertos
Testi: Claudio Falco
Disegni: Fabiano Ambu
Scena principale: Città del Messico (Messico)

Pagella del sito:
Trama: @@@
Azione: @@@
Humor: @@@
Sentimento: @@@
Disegni: @@
Media pesata: 2,8/5

Albi correlati: 58, 193, S11.
Nergal scopre che Ixtlàn, nel corso delle sue ricerche per individuare un mondo simile a quello di origine dei Maestri della Notte, aveva trovato un varco per Mictlan, il mondo dei morti della mitologia azteca, e vorrebbe intrappolarci Harlan per sbarazzarsi di lui, ma non essendosi ancora ripreso dallo scontro col Dampyr, della missione si occupa il suo sostituto, il duca Abigor, Gran Signore degli Inganni.
Facendo pervenire a Bobby Quintana l'informazione sull'esistenza di un branco di Non-morti di Ixtlàn attivi nel narcotraffico sudamericano, Abigor getta con astuzia l'esca.
213 - Capodanno celtico
Testi: Nicola Venanzetti
Disegni: Nicola Genzianella
Scena principale: Rochefaux (Francia)

Pagella del sito:
Trama: @@
Azione: @@
Humor: @
Sentimento: @@@@
Disegni: @@@@
Media pesata: 2,5/5

Albi correlati: 188, 211.
Lo staff di una popolare trasmissione televisiva dedicata al mistero e al paranormale, libera l'Ankou, un Dio della Morte che Araxe conosce sin dal XIII° secolo e che imprigionò non essendo possibile annientarlo. Si tratta di un lebbroso che, non accettando il proprio destino, fuggì da dove fu confinato con altri nelle sue condizioni, precipitando in un pozzo il cui fondo era il covo degli "Esiliati", negromanti che avevano trovato la via dell'immortalità, ma che furono sterminati dalle truppe di Cesare prima di poterla attuare.
Approfittando del rituale dello Samhain ricorrente in prossimità della festa dei morti, e di una paziente terminale curata da Armand Kergaz, attuale compagno di Araxe, l'Ankou cerca allo stesso tempo vendetta e un nuovo corpo che ospiti la sua anima dannata.
214 - Il giocattolaio
Testi: Claudio Falco
Disegni: Gino Vercelli
Scena principale: Magdeburgo (Germania)

Pagella del sito:
Trama: @@@
Azione: @@
Humor: @@@
Sentimento: @@@@
Disegni: @@@
Media pesata: 2,9/5

Albi correlati: 5, 8, 9, 212, S5.
Dopo settant'anni, pare che un caso irrisolto di vampirismo torni a manifestarsi nella città di Magdeburgo, abbinato con la vicenda del "Giocattolaio": cadaveri trovati dissanguati e bambini di facoltose famiglie spariti nel nulla negli anni a cavallo della Seconda Guerra Mondiale. Ad accogliere Harlan, Kurjak e Tesla in Germania è il professor Dirk Winkler, contatto di Hans Milius e già frequentatore, come studente, di un seminario sul vampirismo tenuto dal "prof. Draka".
L'indagine si rivela essere una trappola escogitata dal duca Abigor, sfruttando Vogel, un Non-morto al servizio di Shrek, cui forniva giovani vittime grazie ai propri giocattoli meccanici animati dalla materia organica del Maestro della Notte.
Acquista online i racconti dell'orrore di Gaspare Pero