N° 101 - N° 125

Albi precedenti Albi successivi
ANNUNCIO
L'aggiornamento del "Frasario" non sarà più curato dal sottoscritto dopo il n° 200 della serie mensile, chi volesse redigere tale rubrica può contattarmi via e-mail: gasparepero(chiocciola)gmail.com.
BANNER
 
Le frasi più significative e i dialoghi più accattivanti della serie
 
101 - Alla ricerca di Kurjak
Ho qualche potere, ma non posseggo l'onniscienza! Nessuno la possiede! (Caleb)
Dove il Male ha già portato la sua desolazione c'è un terrore più profondo... intollerabile per ogni creatura! (Xeethra)
Le chiavi del Multiverso non servono a niente, se non sai dove andare! I mondi possibili sono infiniti... (Draka)
Con tutti i tuoi poteri telepatici e la tua capacità di vedere o addirittura di proiettare la tua immagine dove si trova un tuo Non-morto, caro Draka... alla fine sarà il vecchio telefono a salvare la situazione! (Tesla)
"Caleb Lost? Sono Draka!" - "Quasi non riesco a crederci." - "Taglia corto, Amesha! Non dobbiamo fare conversazione!" (Draka e Caleb)
"Non correre rischi inutili! Tu sei prezioso, per me..." - "Sicuro! Sono come uno dei tuoi esperimenti genetici, uno dei tuoi mostruosi schiavi... Sono un Dampyr, l'unica arma a tua disposizione per per uccidere i tuoi simili!" (Draka e Harlan)
Al diavolo! Se devo crepare, che sia almeno in modo pulito e definitivo! (Kurjak)
 
102 - Gli spettri del Taklamakan
Chi si addentra nel deserto e, peggio ancora, chi profana le città che dormono da millenni per rubarne i tesori, è perseguitato dai demoni della follia... Li intravede con la coda dell'occhio mentre si prendono gioco di lui... Ode le loro voci schernirlo nel vento! E, in compagnia di questi fantasmi, perde la strada e gira in tondo nella sabbia, sino a morire di sete! (Masoud)
"Così questo è il Taklamakan, il 'Deserto in cui chi si addentra non fa più ritorno'... detto anche il peggior deserto del mondo, visto che, per più di seicento chilometri, è formato unicamente da altissime dune di sabbia, accanto alle quali quelle da noi traversate l'anno scorso nel Sahara sono come la vaschetta di sabbia di un parco giochi per bambini!" - "Ehi! Pare che stavolta anche tu ti sia ben documentato, Kurjak!" - "Di solito lascio che sia tu a consultare le scartoffie, fratellino! Ma questo caso fa eccezione! Stavolta sono quasi sicuro di lasciarci la pelle, perciò volevo conoscere l'angolo di mondo dove biancheggeranno le mie ossa! E non potevi sceglierne uno peggiore!" - "Esagerato! E poi, dato il clima arido e sterile del Taklamakan, puoi stare tranquillo! E' probabile che il tuo cadavere conservi un eccellente aspetto per svariati secoli a venire!" - "Davvero una gran consolazione!" (Kurjak e Harlan)
"Questo è l'inferno! Se riusciremo ad arrivare a Draka, non avremo più la forza di muovere il dito mignolo!" - "Pare che l'abbia scelto bene, il suo rifugio!" (Kurjak e Matthew Shady)
Vogliamo formare una stirpe eletta di uomini superiori, senza più alcuna distinzione di razza! Tra noi ci sono europei, mongoli, giapponesi... tutti accomunati dal disprezzo per la gente comune. Noi "Lupi Azzurri" ci arroghiamo il diritto di eliminare le creature inferiori e chiunque ostacoli i nostri scopi. (Martin De Vere)
"Le tue dicisioni porteranno all'estinzione definitiva della nostra antica razza, Draka!" - "E sarebbe poi questo gran male?" (Erlik Khan e Draka)
Gli esseri umani, anche i migliori, sono deboli e fragili. E' un errore metterli a parte dei propri segreti. (Draka)
La notte sta calando! E tocca a me affrontare ciò che la notte porterà con sé. (Harlan)
 
103 - Le figlie del fuoco
Voi combattere i Vampiri, Harlan... almeno quelli malvagi! Io combatto il Vampiro più malvagio e insidioso di tutti... e talvolta, anche quando credo facile la vittoria, lui, il cancro, si fa gioco di me. (Armand Kergaz)
Si muore sempre da soli. (Catarina Culioli)
"Non sarebbe stato più dolce morire qui, in vista del mare della Bretagna?" - "Che malinconia! Se proprio si deve morire, meglio Parigi, dottore, e divertirsi fino all'ultimo!" (Armand Kergaz e Jeanne)
I poeti si nutrono di vino e di canzoni, una dieta non molto sostanziosa. (Victor)
Le illusioni cadono, una a una, come le bucce di un frutto... In quanto al frutto, per quanto amaro sia, è l'esperienza! (Gérard De Nerval)
Tu sei una figlia del fuoco, Araxe... e ardi più di tutte! Mi stupisco di non essere ancora in cenere! (Gérard De Nerval)
Invece di un giovane cervo, hai avuto una vecchia volpe. (Victor)
E' grave delitto fare del male a un poeta! Imperdonabile delitto! (Araxe De Kerkadio)
 
104 - La maledizione di Sinistrari
Meglio arrivare senza preavviso sul luogo del delitto. (Hanneke Geerts)
"Non ho fortuna con gli uomini. Una donna in carriera e per di più poliziotta! Speravo che almeno un tipo strano come te mi potesse capire..." - "Sullo strano ci hai preso, amica mia!" (Hanneke Geerts e Harlan)
Tu hai un segreto... e lo nascondi male, Harlan Draka! Un segreto che ha a che fare con qualcosa di strano, di oscuro e di tenebroso... (Hanneke Geerts)
Caleb! Nikolaus! Avrei proprio giurato di trovare uno di voi... ma addirittura insieme e a quest'ora notturna...! Beh, il guaio dev'essere grosso davvero! (Harlan)
"Hanneke è molto sola. Ha bisogno di amici." - "Per questo ti sei aperto con lei? Non so se sia un buon motivo." - "Io credo che sia sempre un buon motivo." (Harlan e Caleb)
"I nostri avversari sono troppo pericolosi per un normale essere umano, Kurjak." - "Ah, è così? Quando non vi sono utile, vengo retrocesso a questa umiliante qualifica? 'Normale essere umano'?" (Caleb e Kurjak)
"Hanneke è stata affidata a te! Non avresti dovuto lasciarla sola!" - "E' tutto il giorno che me lo ripeti, amico!... Sono ancora in tempo a suicidarmi, se vuoi!" (Harlan e Kurjak)
Chi ha trascorso una notte d'amore con il Principe dei Seduttori lo avrà sempre dentro di sè, come un irrefrenabile desiderio. (Samael)
 
105 - I principi dell'inferno
"Reggiti forte, colombella mia! Proverò a ricordare ciò che hai visto... con i tuoi occhi!" - "Vuoi entrare in me?... Mi sento già tutta sottosopra, Nikolaus!" (Nikolaus e Bozena)
L'inferno esiste!... Il mio inferno personale!... Ma non posso essere io l'unico dannato di questo posto schifoso!... QUALCUNO MI SENTE?... In che girone infernale mi trovo?... C'è qualcosa di vero nell'inferno di Dante?... SATANASSI! BELZEBU'! RISPONDETE!" (Kurjak)
Ti farò Principessa del fiume... regnerai sulle verdi acque e sulle ninfe delle profondità... quelle, almeno, che sopravvivono ancora... Sono brutti tempi, per gli spiriti acquatici! (Vodnik)
Ogni coscienza non è tutt'uno... Ogni persona è molte persone! (Samael)
Voi siete stati all'inferno e ne siete tornati!... Io sono stata rapita da un folletto acquatico e tenuta prigioniera sotto la Moldava... per colpa di un immortale che lavora per le spie del Diavolo... Harlan è un Dampyr... e le mie migliori amiche a Praga sono una Vampira e un Fantasma! Ho scordato qualche particolare? (Hanneke Geerts)
 
106 - Il ritorno di Bastet
Questo tempio è più frequentato di una stazione del metrò all'ora di punta! (Kurjak)
"Tes, tu resterai qui con Elettra a sorvegliare l'albergo. Se Abremelin dovesse farsi vivo, seguitelo!" - "Mmm... Va bene. Ma qualcosa mi dice che perderò tutto il divertimento!" (Harlan e Tesla)
"AHH! La tua mano..." - "E' coperta del mio sangue, Morlock! Prima mi condurrai dal tuo nuovo padrone e prima il dolore cesserà! Poi ti concederò di riunirti al tuo vecchio Maestro... PER SEMPRE!" (Morlock e Harlan)
Io ho vissuto a lungo, Harlan. Molto a lungo. Un uomo come me deve stare lontano dalle amicizie, dagli affetti... Alla lunga si traducono in perdite dolorose! (Abremelin)
 
107 - Il musicista stregato
"Ma che pace quassù! E quelle montagne svettanti verso il cielo!... Non sembra di essere più vicini al Paradiso di Nostro Signore?" - "Con tutto il rispetto, Padre Alvise, per la vostra fede e la vostra bontà d'animo... Il signore di questo castello era Draka, un Maestro delle Tenebre, un Arcivampiro!... Non credo dunque fosse un luogo di pace!..." (Padre Alvise e Tesla)
E così ci siamo ritrovati in ballo anche se nel mio contratto c'è, nero su bianco, che io sono tenuto a dar la caccia solo ai Vampiri! (Kurjak)
"Immersa in malinconiche meditazioni?" - "Aspettavo te per una passeggiata al chiaro di Luna, soldatino mio! Mi sono rotta le scatole, chiusa tutto il giorno dentro il cofano dell'auto!" (Kurjak e Tesla)
"Non siete a Messa con gli altri nell cappella?" - "E perché mai? Il Signore non è forse dappertutto?" (Harlan e Fra' Basilio)
"UCCIDETE L'INTRUSA! IL RITO DEVE CONTINUARE!" - "Hai fatto male i tuoi calcoli, beccamorto!... Sbarazzarvi di me vi risulterà impossibile!" (John Mayner e Tesla)
 
108 - Il divoratore di anime
"Bordeaux meriterebbe di essere visitata in ben altra occasione... ma cercherò di farmi perdonare con un Saint-Emilion: è il migliore rosso della zona..." - "Così potremo giudicare se la fama del vostro vino è meritata!" - "Ho paura che siamo le persone sbagliate, Amadou... Io, personalmente preferisco la birra... e Tesla apprezza un altro genere di rosso!" (Amadou, Harlan e Kurjak)
Le ombre del passato prima o poi tornano alla superficie. (Amadou)
Immaginate un cerchio di volti spaventosi: è lì in mezzo che mi trovavo, i corpi nerastri e nudi che sprofondavano e si perdevano nella notte... Ma io li vedevo distintamente emergere dall'ombra e protendersi in qualche modo verso di me, pigiati gli uni contro gli altri... Una folla di teste sinistre e orribili che sembravano chiamarmi con le loro enormi bocche aperte, senza più voce, e che mi guardavano con le loro orbite senza più occhi. (Victor Hugo)
Per noi puttane è meglio non averla, l'anima (Adanna)
"Un detto africano afferma che quando muore un vecchio è come se bruciasse un'intera biblioteca... Nel caso di Bunjo le biblioteche sarebbero una dozzina!" - "Non so se devo essere onorato del complimento oppure toccare ferro..." (Amadou e Bunjo)
"Tu... tu sei un mostro!" - "Sì... ma di quelli buoni..." (Adanna e Tesla)
"In bocca al lupo, ragazzi!" - "E' proprio là che stiamo andando..." (Amadou e Harlan)
 
109 - Il cuore di Gorislav
"Andiamo, colonnello!... Non ditemi che anche all'inferno si tengono ancora dei processi!" - "Sicuro!... Altrimenti, a che cosa servirebbe l'avvocato del diavolo?" (Kurjak e colonnello Zigic)
Fa sempre comodo avere un "cattivo" a cui dare tutte le colpe. (Kurjak)
"Per le persone con cui abbiamo a che fare sei 'ufficialmente morta'!" - "Ho idea di esserlo un po' per tutti, non solo per loro!" (Kurjak e Tesla)
Senza il cuore, niente ha sapore! (vecchia fruttivendola)
Rivedere i vecchi amici non è sempre piacevole! (Harlan)
 
110 - Lo spirito del lupo
Ci vuole un cacciatore per prenderne un altro. (Harlan)
Il modo migliore per prendere un lupo non è dargli la caccia, ma farsi cacciare da lui. (Harlan)
Il Demonio è un'espressione del nulla assoluto. (Josephson)
 
111 - Trappola a Las Vegas
Qui a Sheffield non c'è mai stato niente da vedere. (signora Eardley)
"Arturo parla solo inglese. Non è di origine siciliana, Don Calogero... La sua famiglia viene da Napoli..." - "Va beh... Nessuno è perfetto..." (Martini e Don Calogero)
Hai un certo fascino virile, amico mio, per quanto stazzonato... (Jim Fajella)
Le corse contro il tempo sono dure, alla mia età!... Per tacere dei molossi mangiacristiani! (Kurjak)
"Se una pallottola colpisce la santabarbara che ti porti addosso..." - "Vorrà dire che ce ne andremo con i fuochi d'artificio, fratellino!" (Harlan e Kurjak)
"Tra noi e la NEA abbiamo riportato Chicago ai ruggenti anni Venti!" - "Peggio! Al Capone non usava i lanciarazzi!" (Kurjak e Harlan)
Una sordida cittadina di frontiera, una pidocchiosa stanza in una squallida pensione... Che altro si può volere dalla vita? (Kurjak)
 
112 - La vendetta di Bugsy
"Sceriffo Warren! Qual buon vento?..." - "Buon vento un accidente!" (Patty e Bobby Warren)
"WARREN! Non puoi fare questo! Sei un rappresentante della legge!" - "Sicuro! Nel mio ufficio di sceriffo a Pioche, per la miseria di quattromila dollari al mese, sono un servitore pubblico dello Stato del Nevada! Ma la notte servo altri padroni, che pagano meglio!" (Lenny Meyer e Bobby Warren)
"In questa storia tu fai la parte del verme, Lenny Meyer!... Sai, uno di quei grassi vermi che s'infilano nell'amo..." - "E chi... accidenti vuoi... che abbocchi al tuo amo, carogna?..." (Bobby Warren e Lenny Meyer)
"Come se la passa il nostro 'Desert Dog'?" - "Ho ripulito i tagli dalla terra e adesso comincio a ricucire i peggiori!... Tranquillo, Brett! Ho fatto esperienza nella guerra di Bosnia!" - "Cercherò di non lamentarmi troppo!... Ma quando incontro voilatri, ne esco sempre a pezzi! Come mai?" (Harlan, Kurjak e Brett Doolin)
Una Vampira può essere amica di un folle serial killer. (Tesla)
"Se tu premi per errore quel pulsante, finiamo entrambi in briciole!" - "Rilassati! Le cinture di esplosivo ti donano! E io di errori ne commetto pochi!" (Bobby Warren e Kurjak)
Tutte le fotomodelle non sognano forse di diventare attrici? (Jeff Carter)
"Allora, Emil, ti ricorda Venezia?" - "Sicuro! Quella che c'è nei fumetti di Mickey Mouse!" - "Sarà anche una trappola per turisti, però il 'Rialto' è uno dei più grandi alberghi del mondo! E' difficile rintracciarci qui, nella protettissima 'Canal Grande Suite'!" - "Finché non ci cacceranno fuori per aver finito i soldi!" (Harlan e Kurjak)
 
113 - La nave fantasma
Seguiremo i venti fino ai confini del mare. (Akhar Nun)
"Forse non dovremmo tenere le armi in vista!" - "Stai tranquillo, soldatino... Qui non c'è anima viva... e sai anche tu che non è necessariamente una buona notizia!" (Kurjak e Tesla)
"Non sappiamo quanti succhiasangue arriveranno... Speriamo di avere munizioni a sufficienza!" - "Allora prendi bene la mira e risparmia i proiettili, soldatino!" (Kurjak e Tesla)
Sono la pietà e il dubbio che mi rendono umano... altrimenti sarei uguale ai mostri che abbiamo scelto di combattere! (Harlan)
 
114 - La camera dello scirocco
Qui in Sicilia, con la morte conviviamo dalla nascita... La nostra stessa cultura ne è intrisa... (Edoardo Ajovalasit)
Una delle caratteristiche dell'uomo intelligente è quella di cogliere le risposte senza bisogno di fare le domande. (Edoardo Ajovalasit)
"Sono masochisti, i tuoi concittadini?" - "Sono refrattari al cambiamento, a qualunque cambiamento... Non credono possa portare loro qualcosa di buono... Non è un caso se nel nostro dialetto non esiste il tempo futuro... Il sonno, caro Harlan... il sonno è ciò che molti siciliani vogliono, ed essi odieranno sempre chi li vorrà svegliare, sia pure per portare i più bei regali..." (Harlan ed Enza)
Fino a cinquant'anni fa le gesta di Rinaldo e di suo cugino Orlando, della bella Angelica e del perfido Gano, erano seguitissime... Con le loro battaglie e i loro amori, rappresentavano la vita e i sogni del poplo meglio di qualunque reality show... (Salvo)
Speravo che almeno a teatro le storie avessero un lieto fine! (Harlan)
 
115 - Sfida alla Temsek
"Sei pronto a tirare sul prezzo, Kurjak?" - "Ho lasciato a casa i buoni sconto!" (Tesla e Kurjak)
"Il fatto che entrare laggiù sembri proprio un gioco da ragazzi fa suonare a tutto volume i miei campanelli d'allarme!" - "E da quando sei così saggio, vecchio mio?" - "Tutte le botte che ho preso mi avranno pure insegnato qualcosa, no?" (Kurjak e Harlan)
"... Fin qui ci siamo arrivati! Poi vedremo che cosa ci aspetta!" - "Mi sento tanto un topo da esperimenti..." - "Ma siamo topi che mordono!" (Harlan e Kurjak)
"Credo che il nostro lavoro qui sia finito!" - "Puoi dirlo forte! Più di così... potevamo soltanto sganciare una bomba atomica!" (Harlan e Kurjak)
 
116 - Pioggia di demoni
"Quando arriverà il tuono, quando la folgore cadrà, solo il mio parafulmine coperto di storie vi difenderà dalla furia del temporale... Non sarà una normale pioggia, sai?" - "Perché? Che tipo di pioggia sarà" - "Sarà un uragano di tenebre, una tempesta di dolore... grandinerà sangue... E PIOVERANNO DEMONI!" (Alan Milland e Evelyn)
"Ti prego, non andare sul tetto! Non sfidare un'altra volta la fortuna!" - "Neanche a me piace l'aspetto di quel parafulmine! Ma è proprio per questo che..." - "Sarebbe inutile! Sento che qualcosa non va... Qualunque orrore sia sceso attraverso quel pezzo di metallo è già in questa casa! Stà in guardia, Harlan!" (Ann Jurging e Harlan)
Tra queste sordide mura il Bene non ha mai avuto dominio!... Per questo sono andato a cercare il Male. (Alan Milland)
 
117 - La selva della paura
"E se fossimo venuti  in capo al mondo per niente?" - "Se pensi che quindici escursionisti spariti senza lasciare traccia in sei mesi possano essere una coincidenza..." - "Non sono semplici disgrazie, certo... E un serial killer nel bel mezzo di una foresta disabitata è decisamente improbabile... ma non abbiamo uno straccio di elemento che possa far pensare alla presenza di Non-morti!..." - "Beh, altre volte ci siamo mossi per molto meno..." (Kurjak e Harlan)
Che mi prenda un colpo! Il vecchio sarà cieco, ma ci vede meglio di tanti altri! (Kurjak)
"Qualche animale strano, di quelli che ti piacciono tanto, qui lo trovi di sicuro, professor Tanjevic!" - "Per tua norma e regola, Simmonds, io mi occupo di specie rare e sconosciute, non di 'ANIMALI STRANI'!" (Owen Simmonds e Ladislav Tanjevic)
"La finzione fa parte dello show business!" - "Ma da qui a rischiare la pelle ce ne corre!" (Bruce Baxter e Jack Scott)
"E' sempre meglio dare ascolto alle persone anziane!" - "E' per questo che io do retta a te?..." (Harlan e Kurjak)
"Guarda gli alberi qui intorno! Sono svuotati... Le cortecce squarciate! Come se qualcosa ne fosse uscito di forza..." - "C'è dell'altro, vero? Una strana atmosfera..." - "E' come un odore. L'odore della ferocia!" (Harlan e Kurjak)
Solo chi ha una natura non del tutto umana può sperare di sconfiggere chi umano non è! (Rangatira)
 
118 - Prigionieri dei sogni
Certe volte sono le "buone letture" a influenzare i brutti sogni: prima di dormire, meglio la tv di Kafka. (Dottor Mendel)
La paura è più sana dell'indifferenza. (Dottor Mendel)
"Sapete che cosa significa, quando si sogna di cadere o di volare?" - "Che devo trovarmi un nuovo fidanzato... o almeno un bravo amante?" (Dottor Mendel e Karen Hitchens)
 
119 - L'amante del Vampiro
Un vecchio film... Bello, come una specie di sogno ipnotico. (Joan Dunne)
La solitudine invecchia (Lord Oenghus Mordha)
"Sono proprio i due spioni, Cormack!" - "La biondina e il vecchio... Corrispondono alla descrizione! Ma lei... è della nostra razza!" - "Niente offese, bello! Io sto con i buoni... non sono succube di un Maestro, io!" (Fionn, Cormack e Tesla)
"Dannazione! Era previsto che Dean non si battesse con noi, ma che assistesse nascosto dietro l'angolo di una casa..." - "Solo che adesso non ci sono né angoli né case, in questa desolata brughiera!" (Kurjak e Dean Barrymore)
 
120 - L'ombra del drago
Sto cadendo in una delle mie maledette trance! Come... mi piacerebbe essere... una ragazza normale! (Ann Jurging)
"Ti è chiaro cosa devi fare?" - "Appendere la ragazza a testa in giù, formando una Y, come mi hai mostrato..." - "Sì... ma a differenza degli altri miei schiavi, tu hai un compito in più, Rainer... Dopo che avrai composto la Cauda Draconis... dovrai spezzarla in due!" (Ghilàn e Rainer)
 
121 - La casa di Faust
"Hai ucciso per me... una splendida prova d'amore!" - "E tu per me hai tradito la tua parte!" - "Siamo entrami traditori..." (Samael e Tesla)
Per Jehovam, gehennam et consecratam aquam quam nunc spargo, signumque crucis quod nunc facio... et per vota nostra, ipse nunca surgat nobis dicatus MEPHISTOPHILIS! (Faust)
"Io aspiravo alla sapienza degli angeli per fare il bene dell'umanità... Ma qui, a Praga... ho l'impressione che voi vi facciate sviare verso un intento assai più materiale... la fabbricazione dell'oro!" - "O diamine! E non è scienza anche quella?!" (John Dee ed Edward Kelley)
"Yossele non ha volontà propria... E' come un bambino o un cane fedele... e fa sempre quello che gli si ordina! Il suo problema è non saper distinguere il bene dal male!" - "Se gli essiri umani fossero tutti capaci di fare questa distinzione, il mondo sarebbe migliore." (Jehuda Loew e Caleb)
I giochi di Samael sono tutti pericolosi. (Nikolaus)
Quelli della mia parte hanno spesso sfruttato la superstizione e la credulità umana per arrecare danni più gravi di qualche piccolo spavento. (Nikolaus)
Assassini e fantasmi non hanno bisogno di bussare alle porte. (Joan Kelley)
Le persone eccezionali devono trovare un punto d'intesa. (Frantisek)
Altre volte, caro Harlan, ti sei trasformato in uno Sherlock Holmes della Storia! E adesso, con me come tuo dottor Watson, non potrai fallire! (Nikolaus)
Per Jehovam, gehennam et consecratam aquam quam nunc spargo signumque crucis qud nunc facio... et per vota nostra, ipse nunc surgat nobis fallaciae niger daemon! (John Dee)
Non c'è niente come un lungo viaggio notturno per scambiarsi delle confidenze. (Harlan)
Potrei schiacciarti quando e come voglio, Dampyr! Io non sono Nergal! Io non ti temo! (Samael)
 
122 - Il penitenziario
A volte quello che devi fare non è necessariamente quello che VORRESTI fare. (Harlan)
I carcerati hanno le bocche cucite. (Redford)
I detenuti hanno diritto a un'adeguata assistenza medica! Qualunque sia la pena per cui sono stati condannati. (Redford)
Certi spiriti perdono rapidamente ogni contatto con quello che erano in vita e diventa molto difficile comunicare con loro. (Dellroy Washington)
"Io non capisco, Dellroy... credevo che il medium fossi tu!" - "Due al prezzo di uno, Redford!... Un'offerta speciale solo per oggi!" (Redford e Harlan)
 
123 - I senza morte
Sei i sette anni non sono che un battito di ciglia, per chi ha secoli di vita alle spalle e dinanzi a sé. (Qeratû)
A volte è utile apparire diversi da ciò che si è. (Sheikh Jalil)
I brutti ricordi non si cancellano mai. (Abdullah "Dal" Fattah)
"... E io dovrei credere che una donna in grado di arrampicarsi fino al terzo piano e di farmi fare un volo di due metri non faccia parte di un'unità speciale o qualcosa del genere?..." - "Speciale lo sono davvero, nemmeno immagini quanto! Ma non del tipo che credi tu." (Abdullah "Dal" Fattah e Tesla)
"Maestri della Notte... Non-morti!... Ma insomma... voi chi accidenti siete?" - "Semplice. Siamo quelli che li fanno fuori!" (Abdullah "Dal" Fattah e Tesla)
I Maestri della Notte sono creature sfuggenti... e sono abilissimi a far perdere le loro tracce. (Harlan)
"Dei Peshmerga nemmeno l'ombra. Non vorrei che avessero spostato la loro base da qualche altra parte." - "Sono guerriglieri, non un esercito regolare: in genere, se li vedi, vuol dire che ti stanno già sparando addosso!" (Harlan e Abdullah "Dal" Fattah)
 
124 - Nel covo del Maestro
"I tuoi Peshmerga sono degli ottimi combattenti, ma non si sono mai trovati faccia a faccia con dei Non-Morti. Ecco perché non possiamo fare a meno dell'aiuto di Kurjak e Arno... e soprattutto dell'aiuto di Tesla!" - "Possibile che la tua amica sia così determinante?" - "Te ne accorgerai, Wadid! E' una macchina da guerra micidiale!" (Harlan e Wadid)
"Trova quei miserabili e falli a pezzi!" - "Come desideri, Maestro!" - "Ma bada di lasciarne qualcuno vivo per me. Ho voglia di assaggiare di nuovo il loro sangue..." (Qeratû e Ferej)
"Sembra che tu riscuota un certo successo, tra i nostri Peshmerga." - "Che dire? A una donna fa sempre piacere suscitare l'interesse di un gruppo di baldi giovani!" - "Non vorrei deluderti, ma non credo che sia esattamente il tuo fascino femminile ad averli colpiti... Ti chiamano Nerbaz Kabûz, la donna demonio!" (Harlan, Tesla e Sirwa)
"Ormai, farci fuori tutti è solo una questione di tempo!" - "Finché c'è vita, c'è speranza, soldatino!" (Kurjak e Tesla)
"Vado avanti io, copritemi le spalle!" - "Stai in campana, Tes!" - "Mi piace quando ti preoccupi per me, soldatino!" (Tesla e Kurjak)
Da quando "lavoro" con Harlan, ho perso il conto delle occasioni in cui ce la siamo vista veramente sporca. Ma chissà... forse ne usciamo vivi anche questa volta... E se invece il destino ha deciso diversamente, vuol dire che venderemo cara la pelle! (Kurjak)
 
125 - Stagione di caccia
E' troppo facile premere un grilletto! Chiunque è in grado di farlo! Le armi da fuoco hanno dato a tutti le stesse possibilità, cancellando l'antica distinzione tra cacciatori e raccoglitori... Usare l'arco e le frecce significa rendere omaggio ai nostri antenati, rivivere l'intensità di un'antica battuta di caccia! Quando servivano talento e dedizione per portare a casa la preda! (Novomir)
"Che vinca il migliore!" - "E' quello che dicono sempre i perdenti." (Lev e Hammett)
Per rubare un trofeo, il sistema migliore è attendere un cacciatore stanco sul sentiero che lo riporta a casa! (Novomir)
Assieme siamo molto più lenti, ma divisi siamo più deboli. (Harlan)
 
Acquista 
			online i racconti dell'orrore di Gaspare Pero